SAGRA DEL MIELE DI CHÂTILLON

Confermato l’appuntamento per l’ultimo weekend di ottobre

Il nettare degli dei, protagonista della Sagra del Miele di Chatillon

L’ultimo week end di ottobre, il 30 e il 31, il prezioso nettare divino diventa protagonista di una sagra ormai decennale che trasforma il borgo di Chatillon, all’imbocco con la Valle del Cervino, in un allegro alveare di bancarelle e vetrine, tinte di giallo, arancione e nero.  La manifestazione celebra questo elisir di lunga vita che nel corso dei secoli ha accompagnato l’uomo, donandogli forza ed energia: “rugiada celeste” o “saliva delle stelle” sono solo alcuni degli epiteti con i quali filosofi e poeti quali Aristotele e Virgilio hanno definito questo prezioso alimento, ancor oggi così ricercato ed apprezzato per i suoi effetti benefici sulla salute.

Nel corso di queste due giornate, Chatillon diventa il fiore che, con il suo nettare, attira visitatori golosi, amanti delle api e appassionati di apicoltura. Nella via centrale del borgo, vera e propria “strada del miele”, i produttori di tutta la regione espongono, vendono e raccontano i diversi tipi di miele, dal classico millefiori ai più particolari mieli di tarassaco, castagno e rododendro, ma propongono anche diverse prelibatezze a base di miele nonché numerosi oggetti di artigianato a tema.

L’evento, organizzato dall’Amministrazione comunale in collaborazione con l’Assessorato all’Agricoltura e l’Associazione Consorzio apistico della Valle d’Aosta, è inoltre un’ottima occasione per premiare i migliori mieli dell’anno e per ospitare, ogni anno, una diversa città del Miele. Quest’anno Asolo, candidata a “capitale della cultura 2024”, sarà presente a Chatillon e fungerà da stimolo per un proficuo confronto con altre realtà al fine di continuare a monitorare la qualità produttiva di questo prodotto, orgoglio dell’enogastronomia regionale.

La sagra di Chatillon ha, inoltre, il compito di chiudere l’agenda annuale degli appuntamenti nazionali dedicati a questo nettare zuccherino e propone diverse attività rivolte ad adulti e bambini: visite guidate alla scoperta della vita di questi preziosissimi insetti, fondamentali per il nostro pianeta, ma anche rendez-vous culturali con la lettura di racconti e poesie sul miele.

Passando da Pablo Neruda a Giovanni Pascoli, Shakespeare e Montale, il miele addolcirà l’ingresso nell’autunno di tutti coloro i quali vorranno fare incetta di barattoli di dolcezza per affrontare l’inverno!

PRESTO ONLINE MAGGIORI INFORMAZIONI ED IL PROGRAMMA DETTAGLIATO DELLA MANIFESTAZIONE.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp